Associazione Culturale VARZI VIVA
Trippa alla varzese
(Ra büzèca)


RA BZCA
Us pulisa ban ra büzèca ed manz, as ras-cia per fòla gnì bala nèta, as fa cöz un pó e dop as taja a tuchètt.
Pö us fa friz oli, bütir e spèsi e us ghe cacia dranta ra büzèca cun ra sò, er carotul tajò a fètt, er sèlòr tajò a tuchett e er fazulan sèch, müss a bagn a ra sira prima.
Us ghe zónta der brö bón e una quòrca fòja ed lòvòr; as giüsta ed sò e us ghe mèta un pó ed cunsèrva.
As fa cöz per almeno du ur e maza, adòzi, adòzi e, a ra fén, us ghe zónta arburant, aj e furmagg da gratò.



La fonetica

TRIPPA ALLA VARZESE
Si pulisce bene la trippa del manzo, raschiandola per per farla venire bella bianca , si fa cuocere per un po' e dopo si taglia a pezzi.
Poi si prepara un soffritto con olio, burro e spezie e si aggiunge la trippa con il sale, le carote tagliate a fette, il sedano tagliato a pezzi e le fagiolane secche, messe a macerare la sera prima.
Successivamente viene aggiunge del brodo buono e qualche foglia di alloro; si aggiusta di sale e si mette un po' di conserva.
Si fa cuocere per due ore e mezza, lentamente e, alla fine, si aggiungono prezzemolo, aglio e parmigiano.