Associazione Culturale VARZI VIVA
Ravioli di brasato
(Raviö ed labròz)


RAVI÷ ED LABR“Z
U s'impasta faréna, oli, aqua, sò, öv e pö us tira una sfoja bala sütila.
Per er pén us pia ed ra còròn bóna cmè ra "perniza" e a se stèca cun lòrd, aj e lòvòr. As fa indò cun oli, bütir, sigula, canèla e garuflén, pavòr e spèsi, vén russ der pü bón e der brö. Se us ghe mèta un tuchètt ed caré ed gugnén us randa pü óman er pén.
Quand er labròz l'è fatt, us triga ban e us ghe mèta: öv, furmagg da gratò, sò, pan gratò e us bagna cun er sò sügh.
Pö us fa i raviö e us ghe da ra furma cun ra rüglèta o cun er raviulamp e s'is vö baj rutónd, us dróva er bicér.







RAVIOLI DI BRASATO
S'impasta la farina con olio, acqua, sale, uova e poi si prepara una sfoglia ben sottile.
Per il ripieno si usa carne buona come la "pernice" che si stecca con lardo, aglio e alloro.
Si cuoce il tutto con: olio, burro, cipolla, cannella, chiodi di garofano, pepe e spezie, vino rosso del migliore e brodo.
Per ottenere un ripieno più morbido, si dovrebbe aggiungere al brasato un pezzo di carrè di maiale.
Cotto il brasato lo si trita aggiungendogli: uova, parmigiano, sale, pangrattato e il suo sugo.
Si fanno i ravioli usando l'apposita rotellina dentata o il raviolatore; se però si vogliono ravioli rotondi, si può usare un bicchiere.